IL BULLISMO GEOPOLITICO DELLA TURCHIA

MOSCA, 01 OTT – Il presidente russo Vladimir Putin e il francese Emmanuel Macron hanno chiesto una sospensione “totale” dei combattimenti in Nagorno-Karabakh e si sono detti pronti a intensificare gli sforzi diplomatici per aiutare a risolvere il conflitto. Lo riferisce il Cremlino, dopo un colloquio telefonico tra i due leader.
Intanto si succedono dichiarazioni e smentite sulle posizioni dei paesi.
È di ieri la notizia che il primo ministro armeno Pachinian giudica prematura l’idea di negoziati con l’Azerbaigian, con la mediazione russa, al quarto giorno di scontri nella regione separatista del Nagorno-Karabakh.
“Non è appropriato parlare di un summit Armenia-Azerbaigian-Russia mentre sono in corso scontri”, ha detto. “Per negoziati c’è bisogno di un’atmosfera adeguata”.
Il Consiglio di Sicurezza dell’Onu invita a sospendere i combattimenti e riprendere i colloqui, senza condizioni.
Il governo Azero aveva fatto trapelare la notizia che l’Armenia sarebbe stata disponibile a riconoscere l’indipendenza formale (con influenza Azera de facto, ndr) immediatamente.
Intanto stiamo assistendo a palesi violazioni del diritto internazionale e ad un vero e proprio bullismo bellico da parte della Turchia nel silenzio dell’occidente.
Infatti il ricorso massiccio ai droni UAV turchi, lo spostamento di truppe dal nord della Siria e i trasporti logistici dalla Libia, l’abbattimento di un caccia armeno da parte di un F-16 turco (anche se smentito dal governo di Ankara) fanno pensare ad un coinvolgimento turco e ad una preparazione del conflitto da molto tempo.
Non solo ma è di ieri la notizia che il sito di monitoraggio aereo flightradar 24, sia stato hackerato tre volte in due giorni, (origine del segnale dalla Turchia) impendendo di vedere i movimenti degli aerei dalla Libia.
La situazione è in continua evoluzione nel mentre scriviamo.
In foto la sagoma di un drone che richiama il drone turco Bayraktar TB mentre sorvola un target appena colpito.


Massimiliano De Noia

Condividi l'articolo!
Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Share on whatsapp
Share on email
Share on print