DisneyLand Paris, il sogno che diventa centro vaccinazioni

La favola si arrende al mostro: il coronavirus. Disneyland Paris riapre come centro vaccinale. Il mega-parco si trasforma da cittadella del sogno a struttura baluardo contro l’incubo della pandemia. La notizia è di quelle che non passa certo inosservata: Disneyland Paris potrebbe riaprire presto. Ma non come fabbrica della magia in cui far sguazzare, adulti e bambini, nel sogno affidato a principi, principesse, orsetti golosi e topi detective. Ma come centro vaccinale in cui provare ad assestare almeno un colpo al virus, orco malvagio che ha stregato il mondo infettato da un sortilegio letale e distruttivo. Niente castelli da favola o tane accoglienti in cui rifugiarsi, insomma. Ma la carica vitale e fiabesca di fate e pirati messa a disposizione del popolo parigino per provare a sconfiggere il grande nemico dei nostri tempi: il coronavirus.

Un mostro invisibile che si insinua nelle cavità respiratorie e infetta. Ammala. Uccide. E che, per provare ad arginare, ora l’Eliseo prova a schierare un esercito di vaccinatori, pronti a farsi strada tra fontane e alte torri trasformate per l’occasione in baluardi contro il contagio pandemico. Dunque, dopo le divinità istituzionali a cui tutto il mondo si è rivolto per fronteggiare questo microrganismo misterioso che attacca l’uomo fin nei gangli connettivali del suo sistema, Parigi si gioca la carta di Disenyland Paris, ri-attrezzato per poter riaprire preso come mega centro-vaccinale. Che, privato di “normali” visitatori. Svuotato da bambini a caccia di streghe e da famiglie in cerca di magia, metterà a disposizione spazi sconfinati riadattati alla bisogna per contribuire ad accelerare la campagna di vaccinazioni contro il coronavirus.

Condividi l'articolo!
Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Share on whatsapp
Share on email
Share on print