Letta piagnucola da Draghi: “Sono insoddisfatto di Salvini”

Il Partito Democratico sta tentando in tutti i modi di cacciare Salvini dalla maggioranza. Infatti oggi Enrico Letta è andato a lamentarsi direttamente con il “capo”, Mario Draghi, a Palazzo Chigi, esprimendo “insoddisfazione per il ‘metodo Salvini’” e chiedendo premier “correttivi e rispetto dell’impegno comune a sostegno dell’esecutivo”. Al centro del colloquio fra il leader dem e il premier, i temi legati all’agenda di Governo dopo la definizione del Pnrr, con particolare riguardo alle prospettive per il mondo del lavoro e al sostegno ai giovani. I Dem fremono perché Salvini sembra finalmente aver strappato qualche impegno sul fronte dell’allentamento del lockdown e della riduzione del coprifuoco. Poca roba, quanto basta per infastidire Letta e ringalluzzire Salvini, con il M5S sullo sfondo burrascoso.

Il Partito democratico ha quindi espresso “soddisfazione per i tempi e i contenuti del Pnnr inviato a Bruxelles”, spiegano ancora le fonti. I temi trattati nell’incontro, oltre a Recovery, sono stati quelli legati alla “fase due e alla ricostruzione del Paese”. A proposito della “fase due”, sottolineano le stesse fonti, Letta ha indicato al premier le priorità del Pd: il lavoro, richiamando a questo proposito le proposte dem su decontribuzione e defiscalizzazione delle nuove attività; il turismo, per il quale il Pd presenterà il Piano vacanze italiane 2021; i giovani, che “devono essere al centro della ricostruzione del Paese”, sottolinea ancora il Nazareno. Per loro, il Pd indica tre priorità: casa, lavoro e sostegno psicologico per i danni da Covid.

“Il ‘metodo Salvini’? È la concretezza”, replica il leader della Lega Matteo Salvini. “Stanotte ad esempio sono state approvate in Commissione al Senato le proposte della Lega sui soldi per i genitori separati in difficoltà, sul riconoscimento ufficiale (dopo dieci anni di attesa) della Lingua italiana dei Segni, sull’abolizione del Canone Rai per bar, ristoranti e alberghi, sui fondi per le Associazioni Sportive. E a metà maggio, se i dati sanitari continueranno ad essere positivi come accade ormai da settimane, ci saranno riaperture, ritorno al lavoro, ripartenza e abolizione del coprifuoco. Questo è il ‘metodo Salvini’: leali e propositivi, non ci occupiamo di ius soli e ci fidiamo degli italiani!”.

Poi il leader della Lega si fa velenoso: “Mi spiace che Letta viva male, vedo questi continui attacchi contro di me, ormai Letta lo fa ogni giorno, secondo me sono espressione di difficoltà. Io sono soddisfatto di questo governo: stiamo seminando per il bene dell’Italia, cerco di ottenere il più possibile”.

Condividi l'articolo!
Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Share on whatsapp
Share on email
Share on print