Von der Leyen: Presidenza della Commissione Ue

Ursula von der Leyen sarà la candidata del Ppe per la presidenza della Commissione Ue.

 

Quella di von der Leyen sembra una ricandidatura ma non lo è: nel 2019 lo Spitzenkandidaten del Ppe era l’attuale presidente e capogruppo dei Popolari, Manfred Weber; il nome Ursula emerse solo al Consiglio Ue successivo al voto e fu un jolly che ebbe in Angela Merkel e in Emmanuel Macron la sponda decisiva.

 

La battaglia politica non sarà tanto tra Ppe e socialisti ma tra europeisti e partiti anti-Ue. L’ascesa delle destre e dei sovranisti è una costante degli ultimi sondaggi e potrebbe scombussolare i finora solidi equilibri del potere comunitario, basato sulla triade popolari-socialisti-liberali.

 

Non a caso, von der Leyen ha messo subito in chiaro un punto: “La cosa più importante è la democrazia, lo Stato di diritto e la pace che abbiamo costruito insieme”.

 

Loro vogliono distruggere l’Europa”, ha scandito in conferenza stampa da Berlino. L’obiettivo, quindi, è carpire l’appoggio delle destre considerati più dialoganti, a cominciare da FdI di Giorgia Meloni, su cui von der Leyen ha puntato da tempo per blindare la sua conferma, con risultati finora positivi.

 

 

Diverso è il discorso all’Eurocamera, dove la maggioranza Ppe-S&D-Renew rischia: servirà l’appoggio di una parte delle destre o, in alternativa, dei Verdi. Ma è alle prime che il Ppe guarda da tempo, seguendo con attenzione l’evoluzione del gruppo dei Conservatori e Riformisti, dove siede FdI ma l’ipotesi di un ingresso di Fidesz, annunciata da Viktor Orban, complicherebbe di molto il dialogo di Meloni con il centrodestra moderato. Von der Leyen chiuderà il mandato con due azioni che saranno pilastri dei prossimi 5 anni: la difesa europea e lo sprint alla competitività; il Green Deal resterà una priorità, ma attenuata. E poi c’è sempre la variabile emergenze a partire dalla guerra in Ucraina.

Condividi l'articolo!
Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Share on whatsapp
Share on email
Share on print