Approvato il dl coesione: obiettivo è il rilancio economico della Nazione

“Grazie al governo Meloni e al lavoro straordinario del ministro Fitto, con il decreto coesione approvato oggi, i diversi fondi a disposizione – coesione, Fondo sviluppo e coesione e Pnrr- dialogano tra loro per un medesimo orizzonte strategico: il rilancio economico della Nazione. La riforma, che ha un focus particolare per il Sud, prevede, tra le altre cose, l’individuazione di interventi prioritari in una serie di settori strategici condivisi con la Commissione europea, secondo un approccio orientato al risultato. L’obiettivo è dunque quello di rafforzare la qualità della spesa, con un superiore livello di efficacia e di impatto degli interventi, evitando spreco di risorse.

E’ evidente che chi critica il governo Meloni per le scelte per il rilancio del Mezzogiorno, non ha contezza delle misure messe in campo: rifinanziamento della misura ‘Resto al Sud’ con alcuni accorgimenti e integrazioni, della Zes, ma anche bonus per le donne, per i giovani, risorse per infrastrutture, per l’autoimprenditorialità, trasporti e mobilità. Sono tutti Interventi che, grazie all’impegno di questo Governo, saranno volano non solo per il sud Italia ma per l’intera Nazione”. Lo dichiara Tommaso Foti, capogruppo di Fratelli d’Italia alla Camera.

“Il governo Meloni continua a dimostrarsi attento ai bisogni degli italiani, soprattutto di coloro che più stanno soffrendo il peso dell’inflazione. Dal Consiglio dei ministri di questa mattina non sono emerse solo misure una tantum ma anche provvedimenti in grado di sostenere la crescita e l’occupazione. Si prosegue sulla rotta già tracciata, che sta dando risultati importanti come dimostrano i dati che, anche oggi, certificano come il numero dei lavoratori in Italia sia cresciuto, nell’ultimo anno, di quasi 300 mila unità. Significativo quanto previsto anche nel decreto coesione: l’Italia ha a disposizione 75 miliardi, di cui 43 miliardi di risorse europee, da spendere per politiche del lavoro, sociali e di sostegno alle imprese. In passato non tutte le risorse sono state spese.

Oggi, grazie al decreto Coesione, si punta a invertire questa tendenza. Non è più tempo di perdere occasioni preziose per sostenere la nostra nazione”, afferma in una nota il senatore di Fratelli d’Italia, Nicola Calandrini, presidente della 5a Commissione Bilancio.

Condividi l'articolo!
Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Share on whatsapp
Share on email
Share on print