Albanese uccide a martellate la moglie davanti ai figli nel vicentino

In provincia di Vicenza si è verificato un altro terribile femminicidio. Domenica pomeriggio Gezim Alla, muratore albanese di 50 anni, ha ucciso a martellate la moglie Dorina Alla, di 39, al culmine di un’accesa discussione. L’uomo avrebbe massacrato la moglie all’interno dell’abitazione di Pove del Grappa, dove la coppia viveva dal 2017 assieme ai figli, di 13 e 9 anni.

I soccorritori, racconta il Giornale di Vicenza, “hanno potuto solamente constatare il decesso della vittima. Mentre il marito, che ha aperto la porta ai carabinieri, è stato portato in caserma dove ha confessato l’omicidio. I militari lo hanno quindi arrestato al termine dell’interrogatorio. I due bambini, che si trovavano in casa al momento della tragedia ma non avrebbero assistito all’omicidio, sono stati affidati a un parente. Dai racconti, pare si fossero chiusi in bagno, impauriti dalle urla”.

I lunghi mesi di lockdown e la forzata coabitazione nelle case hanno allungato ancora di più la pagina nera riservata al femminicidio nel nostro Paese. Il dato, nero su bianco, ha trovato conferma in un report dell’Istat dedicato agli omicidi: nei primi 6 mesi 2020 la situazione si è ulteriormente aggravata con un numero di delitti pari al 45% del totale degli omicidi, contro il 35% dei primi sei mesi del 2019.

Condividi l'articolo!
Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Share on whatsapp
Share on email
Share on print