Scuola, bambini in “gita virtuale”. Meloni: “Non lo spacciamo per progresso”

I’Istituto comprensivo Spoleto1 Della Genga-Alighieri, grazie alla proposta dell’insegnante Luciana Buscaglia, ha deciso di aderire all’evento CodyTrip organizzato dal prof. Alessandro Bogliolo, permettendo così agli alunni della scuola primaria e della scuola secondaria di non perdere uno degli appuntamenti più desiderati dagli studenti: la gita di fine anno. Un progetto pionieristico per la città di Spoleto,nato grazie al lavoro sinergico dell’Università di Urbino con CodeMOOC net, il patrocinio di Save the Children, Fondazione Mondo Digitale e Grey Panthers e con la partecipazione di Giunti Scuola, che copre i costi organizzativi rendendo l’esperienza totalmente gratuita.

Una giornata virtuale, cominciata in classe e continuata a casa, coinvolgendo anche i genitori e che è partita con un viaggio online in autobus per la secondaria e in treno per la primaria verso la città di Firenze.

Giorgia Meloni non è contenta di questa iniziativa e, in generale, della prigionia che i bambini sono costretti a subire dall’inizio della pandemia:

“Una generazione stanca e distrutta dalle continue restrizioni, privata della socialità, prigioniera dello schermo e di mondi paralleli e virtuali.

Sono preoccupata che tutto questo possa essere promosso come normalità e spacciato come progresso…”, scrive sui social la leader FDI.

Condividi l'articolo!
Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Share on whatsapp
Share on email
Share on print