Ultima follia della ‘sinistra Usa’: Principe azzurro di Biancaneve è uno “stupratore”

Il femminismo ultra intregralista, nel segno del “politicamente corretto” di sinistra, sbarca anche a Disneyland e finisce per colpire una delle figure più amate dai bambini, il Principe azzurro, equiparato a una sorta di “stupratore” perché bacia Biancaneve mentre dorme. Quindi, secondo alcuni intellettuali americani, contro la sua volontà. La polemica nasce nel parco a tema di Anaheim in California, riaperto venerdì dopo essere stato chiuso per più di un anno a causa della pandemia. La giostra principale, rifatta completamente, ha adesso la rappresentazione della scena del bacio con cui il Principe azzurro sveglia Biancaneve baciandola, ovviamente senza avvisarla prima, anche perché lei è svenuta dopo aver mangiato la mela avvelenata della malvagia Regina.

“Un bacio che le dà senza il suo consenso, mentre lei dorme, il che non può essere vero amore se solo una persona sa che sta succedendo”, hanno osservato i recensori della testata San Francisco Gate. “Il consenso nei primi film Disney è una questione importante. Insegnare ai bambini a baciarsi, quando non è stato stabilito se entrambe le parti sono disposte a impegnarsi, non va bene” hanno scritto i critici del giornale americano. “Non siamo già d’accordo sul fatto che il consenso nei primi film Disney sia una questione importante? Che insegnare ai bambini a baciarsi, quando non è stato stabilito se entrambe le parti sono disposte a impegnarsi, non va bene?”, ha continuato  il San Francisco Gate. ”È difficile capire perché la Disneyland del 2021 scelga di aggiungere una scena con idee così antiquate su ciò che un uomo può fare a una donna, soprattutto considerando l’attuale enfasi della società sulla rimozione di scene problematiche da giostre come Jungle Cruise e Splash Montagna. Perché non reimmaginare un finale in linea con lo spirito del film e il posto di Biancaneve nel canone Disney, ma questo evita questo problema? ” .

Condividi l'articolo!
Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Share on whatsapp
Share on email
Share on print