Disgelo tra Meloni e Macron. Obiettivo: proteggere l’UE dall’immigrazione illegale

Un riavvicinamento tra Italia e Francia ha avuto luogo con una telefonata tra i Presidenti dei rispettivi Paesi. Un comunicato di Palazzo Chigi ha infatti rivelato in una nota una “cordiale conversazione telefonica” avvenuta tra il Presidente del Consiglio Giorgia Meloni e il Presidente della Repubblica francese Emmanuel Macron.

Al centro del confronto ci sono stati i principali temi al centro dell’agenda europea e internazionale. “È stata ribadita la volontà di garantire il pieno sostegno all’Ucraina e l’urgenza di individuare a livello europeo soluzioni efficaci per sostenere la competitività delle imprese europee e per contrastare l’immigrazione illegale attraverso un effettivo controllo delle frontiere esterne dell’Unione europea. Il Presidente del Consiglio Meloni e il Presidente Macron hanno concordato di continuare a confrontarsi su queste tematiche largamente condivise”, è scritto nella nota dell’esecutivo.

L’obiettivo di Macron è anche quello di trovare alleati credibili in merito alla strategia del “Made in Europe”. Così si intitola un documento che Parigi ha inviato il 9 gennaio ai Paesi UE per spiegare loro quali sarebbero le sue idee in merito alla guerra tra Mosca e Kiev e per quanto concerne le sfide dell’Inflation reduction act (Ira) dell’Amministrazione Biden.

 

Condividi l'articolo!
Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Share on whatsapp
Share on email
Share on print