Von der Leyen: “Mai con anti-Ue e amici di Putin”

Ursula von der Leyen nel giorno in cui il Ppe la certifica come unica Spitzenkandidaten dei Popolari, e di fronte all’avanzare dei sovranisti, alla “fatigue” del sostegno comunitario all’Ucraina, a sondaggi che danno l’attuale maggioranza europeista in crescente difficoltà, la presidente della Commissione sottolinea che, per essere confermata, non accetterà nessuna deroga alla linea rossa tracciata dai Popolari per un dialogo con le destre: “Essere pro-Ue, pro-Nato, pro-Ucraina e a favore dello stato di diritto”.

 

Rispetto all’usuale prudenza, Von der Leyen sull’apertura alle destre ha scelto la via della chiarezza: “Dobbiamo proteggere la nostra democrazia e i nostri valori, dobbiamo difenderci dall’euroscetticismo e dagli amici di Putin, dentro e fuori l’Europa”.

 

L’ex ministra della Difesa tedesca non ha fatto nomi ma i destinatari del suo messaggio sono scritti nella black list del Ppe: si va dall’AfD tedesca ai lepenisti, fino ovviamente a Viktor Orban. Il premier ungherese “È il problema! È la voce di Putin nell’Ue, con i suoi veti blocca sanzioni, riforme, allargamento”, ha chiosato Weber.

 

Non a caso, incalzato sul rapporto con Conservatori e Riformisti, il gruppo in cui siede Giorgia Meloni, von der Leyen ha osservato come “non sapremo come sarà il gruppo dopo le elezioni” e ha definito “possibili” delle fuoriuscite in direzione Ppe.

In questo senso, l’eventuale ingresso di Orban in Ecr rappresenterà un problema insormontabile per Meloni: “Vedo che nel gruppo si sta sviluppando una battaglia interna crudele, i cechi, gli svedesi e i finlandesi hanno detto subito che non vogliono stare dalla parte di Orban”, ha osservato con malizia Weber, che da tempo ha aperto a FdI e alle destre più dialoganti, categoria nella quale il Ppe non include la Lega e le esternazioni di Matteo Salvini dopo la morte di Alexei Navalny non contribuiscono a far cambiare idea ai Popolari. Ad ogni modo, a marzo, al Congresso del Ppe, von der Leyen incasserà un’investitura scontata ma dalla solidità tutta da vedere.

 

Condividi l'articolo!
Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Share on whatsapp
Share on email
Share on print