Via libera al nuovo concorso pubblico per l’assunzione di 2.800 tecnici che daranno supporto al Sud Italia

Via libera al nuovo concorso pubblico per l’assunzione di 2.800 tecnici che daranno supporto al Sud Italia per l’attuazione dei progetti del Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza.

Un progetto che ricorda, anche sui numeri, quello che ha portato al reclutamento dei Navigator: quest’ultimi furono selezionati (e adesso prorogati) per dare assistenza tecnica ai centri per l’impiego nell’attuazione del Reddito di Cittadinanza, mentre il nuovo concorso pubblico per 2.800 assunzioni servirà per dare alle Regioni del Sud l’esperienza necessaria per l’avvio dei progetti previsti dal Piano di Ripresa che verrà finanziato con le risorse del Recovery Plan.

Il bando di concorso di quello che a questo punto dovrebbe essere una delle selezioni più attese del 2021, se non altro per l’alto numero di profili che verranno reclutati, uscirà a breve: ne ha dato conferma il Ministro della Pubblica Amministrazione, Renato Brunetta, con un comunicato congiunto con il Ministro per il Sud e la coesione territoriale, Mara Carfagna.

La procedura che porterà al reclutamento di 2.800 tecnici al Sud partirà domani, giovedì 25 marzo, una volta che arriverà il via libera da parte della Conferenza unificata.

dettagli del concorso saranno comunicati in una conferenza stampa che si terrà nella giornata di domani; per capire chi potrà partecipare a questa maxi selezione, quindi, dovremo attendere ancora qualche ora.

Dovrebbe trattarsi, comunque, di profili altamente specializzati: l’obiettivo, infatti, è molto ambizioso in quanto si cercherà di dare alle amministrazioni meridionali le competenze e le capacità necessarie per “portare avanti al meglio il lavoro sul Recovery Plan”. L’obiettivo di questo nuovo concorso pubblico è di costituire dei gruppi di persone, o anche società di servizi, con spiccate competenze specialistiche; tecnici che saranno fondamentali per lo sviluppo dei progetti previsti dal Recovery Plan e per far sì che questi vengano attuati entro i termini prestabiliti.

Questo concorso segue perfettamente il piano programmatico indicato da Brunetta fin dai primi giorni del suo insediamento. Il nuovo Ministro della Pubblica Amministrazione ha infatti annunciato una riforma – nonché una semplificazione – dei concorsi pubblici laddove questi siano necessari al reclutamento di profili altamente specializzati, utili per dare all’amministrazione il supporto necessario nell’attuazione del Piano Rilancio.

Si è scelto di far partire questo progetto dal Sud Italia, anche perché è proprio alle regioni meridionali che sarà destinata una buona parte delle risorse del Recovery Fund.

Come anticipato, i dettagli di questo concorso – come ad esempio su quali saranno i profili ricercati – saranno comunicati solamente nella giornata di domani.

Per il momento sappiamo che si tratterà di una selezione molto veloce – “tra il bando e la graduatoria finale passeranno non più di tre mesi” (e questo lascia pensare si tratterà di un concorso per soli titoli) – e che comunque l’incarico non sarà a tempo indeterminato.

Condividi l'articolo!
Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Share on whatsapp
Share on email
Share on print