In Europa crescono produzione e problemi per le aziende

C’è una nuova minaccia sulla ripresa economica dell’Europa.

I produttori dell’area euro stanno affrontando ritardi senza precedenti nelle forniture di materie prime e componenti.

Gli ordini si accumulano senza essere soddisfatti e i prezzi corrono, pressando il tasso di inflazione, proprio mentre l’economia inizia a riprendersi.

Cosa significa la carenza nell’approvvigionamento per l’Europa?

IHS Markit, che rileva il PMI, ha spiegato che è evidente in Europa “un disallineamento tra domanda e offerta” a causa della lentezza nelle forniture di materie prime per le aziende europee.

Le difficoltà di trasporto, in particolare quello marittimo, sono tra le ragioni principali dei ritardi.

L’indicatore dell’attività manifatturiera è comunque salito a 62,9 in aprile, il valore più alto nei 24 anni di storia dell’indagine, sebbene leggermente al di sotto di una stima precedente.

Le aziende, però, hanno riportato costi più elevati per prodotti chimici, metalli e plastica e hanno ridotto le scorte per rispondere alle esigenze.

Chris Williamson, capo economista aziendale di IHS Markit, ha così sintetizzato la situazione:

“La produzione della zona euro è in forte espansione…La conseguenza della domanda che precede l’offerta è l’aumento dei prezzi praticati dai produttori, che ora stanno crescendo al tasso più veloce mai registrato dal sondaggio”

E questo rappresenta un problema i termini inflazionistici. Gli aumenti dell’occupazione e degli investimenti in macchinari e attrezzature segnalati nel sondaggio possono aiutare le aziende a superare i vincoli di capacità.

L’offerta e la domanda hanno margini di allineamento, con allentamento della pressione sui prezzi. Ma tutto questo richiederà tempo. Intanto, l’espansione in Europa è minacciata dai ritardi nell’approvvigionamento.

Condividi l'articolo!
Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Share on whatsapp
Share on email
Share on print