Covid, Bucalo: da Inps incredibile no a indennità di malattia

“Il danno oltre la beffa. La nota con cui l’Inps, ha comunicato che per alcuni lavoratori a contatto con persone contagiate, e dunque in isolamento fiduciario, non sarà prevista l’indennità di malattia ha dell’incredibile. Le loro casse – spiegano dall’Istituto di previdenza – sono a secco e la cinghia va stretta. E la stringono proprio sui lavoratori costretti a casa, se non in conclamata malattia comunque in ‘sospetta malattia’?  Ma c’è di più, il taglio indennità avrà valore retroattivo sin da gennaio 2021, dunque le aziende private che hanno a carico questi dipendenti dovranno risarcire l’Istituto. Facile immaginare la pioggia di contenziosi che nasceranno. Con danno notevole.

Ad essere più colpite sono quelle fasce di lavoratori cui è impossibile svolgere le proprie mansioni in smart working, la cui presenza in azienda è la base della loro occupazione, dunque addetti alle pulizie, magazzinieri, cassieri, commessi. L’unica speranza è che lo Stato rifinanzi le casse dell’Inps e vada incontro alle necessità di chi, non per scelta, ha dovuto rinunciare al lavoro”.

Lo dichiara Ella Bucalo, deputato di Fratelli d’Italia.

Condividi l'articolo!
Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Share on whatsapp
Share on email
Share on print