Finanze europee: quali rischi corre l’Europa? L’allarme di Francoforte

La BCE ha suonato nuovi allarmi per la stabilità finanziaria della zona euro.

Non c’è solo la ripresa economica post-Covid sotto i riflettori della banca centrale. Piuttosto, nel suo rapporto semestrale l’istituto di Francoforte ha posto l’accento su alcune rilevanti vulnerabilità che il sistema della finanza sta evidenziando e che potenzialmente minano la regione nel più lungo periodo.

Come sottolineato nel documento ufficiale, le preoccupazioni riguardano in particolare “sacche di esuberanza” nei mercati del credito, dell’immobiliare, nonché i livelli di debito più elevati nei settori aziendale e pubblico come eredità della pandemia.

La BCE ha messo in guardia i Paesi: sebbene la crescita abbia imboccato la giusta strada, la stabilità finanziaria resta a rischio. I motivi dell’allerta spiegati di seguito.

Nella sua relazione semestrale sulla stabilità finanziaria, la BCE ha sottolineato tre punti chiave:

i rischi a breve termine per la stabilità finanziaria legati alla pandemia sono diminuiti con la ripresa dell’economia;
le vulnerabilità crescono nei mercati immobiliari e in alcuni asset finanziari;
le sfide ancora aperte per la ripresa e per le prospettive di inflazione sono dovute alle tensioni nelle catene di approvvigionamento globali e all’aumento dei prezzi dell’energia
Da Francoforte l’analisi si è concentrata su alcuni aspetti importanti che stanno caratterizzando la finanza.

La maggiore vivacità nei mercati immobiliari, nelle obbligazioni spazzatura e nelle criptovalute ha creato spazi di debolezza che saranno esposti se un’inflazione superiore al previsto porterà a un forte aumento dei tassi di interesse.

Cosa significa? L’incremento dell’inflazione e il calo dei tassi di interesse reali hanno spinto gli investitori ad assumersi maggiori rischi nella loro ricerca di rendimento, il che ha lasciato parti dei mercati immobiliari, del debito e delle criptovalute “sempre più suscettibili di correzioni” secondo le valutazioni BCE. (Money.it)

Condividi l'articolo!
Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Share on whatsapp
Share on email
Share on print