Enrico Letta: ”Escludo che il mio partito possa appoggiare la candidatura di Berlusconi”

Enrico Letta interviene ieri su CartaBianca, escludendo l’appoggio del suo partito alla candidatura di Silvio Berlusconi. “Non potrà che essere così, altrimenti – chiarisce – il governo cadrebbe immediatamente dopo”. Sul nome del candidato, ribadisce, c’è tempo, prima si deve approvare la legge di Bilancio. Lungo dibattito invece per i temi dell’attualità politica: dall’elezione del prossimo Presidente della Repubblica al referendum sulla cannabis alla legge sul suicidio assistito.

Su Rai Tre l’ex premier parla anche del referendum sulla liberalizzazione delle droghe leggere. La posizione del partito di largo del Nazareno, conferma, arriverà al termine della discussione che è già stata avviata. “Ho la mia idea ben chiara ma se dicessi come la penso influenzerei il dibattito. Non voglio dividere ma portare il Pd a una posizione comune”.

E sulla questione del fine vita spiega. “Siamo riusciti a ottenere che il 13 dicembre arrivi in Aula alla Camera il testo sul suicidio assistito, che oggi è la soluzione più avanzata e in linea con la sentenza Corte costituzionale. Sono fiducioso che si riesca a coprire un vuoto normativo”, afferma e lancia un appello ai partiti: “Non facciamo di questa norma una battaglia ideologica”.

Letta torna a rilanciare il progetto delle Agorà democratiche. Per sconfiggere “la destra sovranista che flirta con Orban e con chi comprime i diritti, dobbiamo costruire un’alternativa forte e coesa. Come fare? Con le Agorà: dobbiamo rendere i cittadini protagonisti”, altrimenti, dice, “con un incontro di sigle, di partiti e partitini non ce la faremo mai”.

Condividi l'articolo!
Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Share on whatsapp
Share on email
Share on print