Cartelle esattoriali: al via la rottamazione Quater

L’Agenzia delle Entrate conferma: la rottamazione quater si farà e anche in tempi celeri. Il sito parla di saldo e stralcio, in cui l’Ader (ex Equitalia) avrà un ruolo importante. Quest’ultima prenderà in considerazione la cancellazione dei debiti a proprio carico sotto i 1000 euro anche qualora le domande di rottamazione siano state avanzate antecedentemente al 31 marzo 2023 (la data milestone indicata finora). Ora è possibile fare richiesta di stralcio della propria cartella esattoriale, avendo come termine ultimo entro il quale presentare domanda fissato per il prossimo 30 aprile. Per poter procedere all’istanza servirà accedere alla propria area riservata del sito dell’Ader o ottenere la documentazione dalla sezione pubblica del sito. Nel primo caso, le istanze saranno direttamente acquisite, nel secondo queste dovranno essere convalidate entro le successive 72 attraverso un link che arriverà dalla stessa agenzia.

Nelle Faq pubblicate sul sito dell’Agenzia delle Entrate viene dato uno stop ufficiale ai pagamenti previsti dalla rottamazione “ter”, specificando che i contribuenti per i quali questo tipo di procedura è in corso, possono direttamente evitare il pagamento della prossima rata (quella in scadenza il 28 febbraio 2023).

Importante aggiungere che nel momento in cui un contribuente presenta l’istanza di adesione prima dell’annullamento dei carichi sotto i 1000 euro prevista con il saldo e stralcio del prossimo 31 marzo, la risposta delle Entrate terrà conto anche della cancellazione determinata da questa seconda sanatoria. L’effetto della cancellazione è garantito anche in caso di carichi potenzialmente annullabili presenti all’interno dei piani della rottamazione “ter” in corso in caso di adesione alla “quater”.

 

Condividi l'articolo!
Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Share on whatsapp
Share on email
Share on print