“Buffoni, riaprite!”. Non solo Roma, proteste in tutta Italia contro il Governo

Autostrada bloccata a Caserta, caos traffico a Milano e soprattutto tafferugli in piazza Montecitorio a Roma. È stata una giornata di protesta di commercianti e ristoratori, che chiedono al governo di riaprire. Davanti alla Camera la situazione più delicata, con incidenti tra polizia e le diverse centinaia di manifestanti. Tra loro bandiere blu di Italexit, il movimento del senatore ex M5S Gianluigi Paragone, e un uomo vestito come l’appartenente al movimento Q-Anon che fece irruzione al Congresso Usa a Washington. “Buffoni” e “libertà” le urla partite dalla piazza, dove i manifestanti hanno sfondato le transenne, venendo respinti dalle forze dell’ordine. La situazione è degenerata e si è arrivati più volte allo scontro, con lancio di fumogeni e altri oggetti all’indirizzo degli agenti.

Feriti due agenti, 7 fermati – Tra questi ultimi ci sono due feriti – uno dei quali medicato sul posto e trasportato in ospedale – e 7 manifestanti sono stati identificati e fermati. In molti, come si evince dalle immagini degli scontri, non indossavano la mascherina. In precedenza in piazza Montecitorio aveva preso la parola al microfono, tra gli altri, il deputato di Forza Italia Vittorio Sgarbi. Tra i manifestanti, come rivendicato sui social network, anche CasaPound: “Crediamo che sia necessario ribellarsi ai Dpcm che calpestano il diritto al lavoro. Quella di oggi è una protesta sacrosanta – ha detto dal palco Luca Marsella, già candidato sindaco a Ostia con il movimento di estrema destra – Non staremo a guardare il nostro popolo morire un Dpcm alla volta”. Dopo alcune cariche di alleggerimento della polizia, la situazione è tornata alla normalità. “Vogliamo solo lavorare, non chiediamo altro”, gridano i manifestanti che non intendono lasciare la piazza. “Rimanete tutti qua, prima o poi qualcuno dovrà riceverci”. Il clima resta comunque teso con alcuni manifestanti più rabbiosi che hanno provato a forzare il cordone delle forze dell’ordine. La ministra dell’Interno Luciana Lamorgese ha espresso “solidarietà e vicinanza” al funzionario della Polizia rimasto ferito e ha sottolineato che “in questo momento le proteste sono alimentate dalla situazione estremamente delicata per il Paese ma che è inammissibile qualsiasi comportamento violento nei confronti di chi è impegnato a difendere la legalità e la sicurezza”.

A Milano ambulanti in strada e traffico in tilt – Una manifestazione dei lavoratori del commercio ambulante si è invece tenuta in piazza Duca d’Aosta, a Milano. Più di un centinaio di persone si sono ritrovate nella piazza di fronte alla Stazione Centrale e vicino al palazzo che ospita il Consiglio regionale della Lombardia per chiedere di poter riprendere a lavorare. ‘Vogliamo lavorare’, si legge in numerosi cartelli sorretti dai manifestanti, come anche ‘Vogliamo libertà’, ‘Basta chiusure ingiustificate agli ambulantì. Gli ambulanti protestano anche contro l’esiguità dei ristori. Gli ambulanti scesi in piazza per protesta stanno bloccando il traffico davanti alla Stazione Centrale. Numerosi i mezzi pubblici fermi all’imbocco di via Vitruvio. La manifestazione si è trasformata in un presidio in cui i rappresentanti di categoria spiegano le loro ragioni. Il corteo degli ambulanti si muoverà verso la prefettura – hanno spiegato i loro rappresentanti – dopo essere stato fermato dalle forze dell’ordine a poche centinaia di metri dalla Stazione Centrale da dove aveva preso il via. Dal corteo stanno uscendo i numerosi furgoni che vi avevano preso parte e i manifestanti proseguiranno unicamente a piedi. La manifestazione si sta svolgendo senza particolari tensioni. Pesanti, invece, le ripercussioni su traffico in tutta la zona.

Condividi l'articolo!
Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Share on whatsapp
Share on email
Share on print