Fondo giovani e prestiti per gli studenti. Ecco i requisiti per accedere

In un paese come l’Italia dove le politiche giovanili sono prese poco in considerazione, è purtroppo conseguenza naturale che siano proprio i giovani l’anello debole del mercato del credito.

Sono infatti i giovani che non solo non hanno certezze per il loro futuro, ma che hanno maggiori difficoltà a ottenere un prestito. Per poter aiutarli a costruirsi un proprio futuro, sono nati per il mercato dei prestiti agevolati e in certi casi anche garantiti dallo Stato per pagare le tasse universitarie o coprire le spese di formazione.

Fondo giovani: quali sono i requisiti per accedere al prestito

Per poter fare richiesta di un prestito agevolato, che siano prestiti d’onore o per accedere al Fondo studenti, è importante sapere che esistono dei requisiti specifici.

• essere iscritti a un Master universitario di primo o di secondo livello ed essere in possesso del diploma di laurea, o triennale o specialistica, con una votazione pari almeno a 100/110;

• essere iscritti a un corso di specializzazione successivo al conseguimento della laurea magistrale a ciclo unico di medicina e chirurgia con voto pari almeno a 100/110;

• essere iscritti a un dottorato di ricerca all’estero con una durata legale triennale;

• essere iscritti a un corso di lingue di durata non inferiore a sei mesi, riconosciuto da un Ente Certificatore.

Infatti per poter ottenere un prestito agevolato i richiedenti devono avere un’età compresa tra i 18-40 anni, inoltre devono trovarsi in una delle seguenti situazioni:

• essere iscritti a un corso di laurea triennale ed essere in possesso del diploma di scuola superiore con votazione pari almeno a 75/100;

• essere iscritti a un corso di laurea magistrale ed essere in possesso del diploma di laurea triennale con una votazione pari almeno a 100/110;

Fondo giovani: quali sono i prestiti agevolati per i giovani?

Ci sono due tipologie di prestiti a cui i giovani possono accedere. Le banche infatti possono offrire prodotti specifici sotto forma di prestiti d’onore per gli studenti, i quali devono essere in possesso dei requisiti sopra indicati; altri istituti hanno aderito al Fondo per lo studio istituito dalla Presidenza del consiglio dei ministri, che offre a giovani meritevoli tra i 18 e i 40 anni, una garanzia al 70% su finanziamenti fino a 25mila euro per pagarsi gli studi. Ecco come funzionano.

Per agevolare universitari esistono i prestiti di onore, questi sono dei finanziamenti che permettono al beneficiario, di non pagare alcuna rata, o una rata più bassa formata dai soli interessi, mentre frequenta l’università o il corso di formazione. Successivamente lo studente (o studentessa) potrà avviare un piano di rientro a un tasso di interesse. Purtroppo non sono ancora molte le realtà che hanno questo piano tra le proprie offerte. Tra gli istituti bancari che offrono questa possibilità si trovano:

  • Intesa SanPaolo;
  • UniCredit;
  • Banca Sella;
  • Bnl Bnp Paribas;

Fondo per gli studenti

Da qualche anno è stato istituito il Fondo per il credito ai giovani, cosiddetto Fondo Studio. L’obiettivo di questo fondo è quello di consentire ai giovani meritevoli di ottenere finanziamenti per l’iscrizione all’università, per seguire corsi di specializzazione post-laurea o per approfondire la conoscenza di una lingua straniera, senza garanzie aggiuntive all’infuori di quelle fornite dallo Stato. I giovani in possesso dei requisiti elencati al paragrafo precedente possono compilare il modello di domanda, allegare la documentazione richiesta e recarsi presso le filiali di banche e finanziarie aderenti all’iniziativa. Ma come funziona esattamente il Fondo?

I finanziamenti che si riferiscono ai corsi e ai Master sono cumulabili tra loro fino a un ammontare massimo di 25.000 euro ed erogati in rate annuali di importo tra i 3.000- 5.000 euro. Il tasso applicato e le condizioni sono stabilite dalle singole banche. La durata del prestito è compresa tra i 3-15 anni e la restituzione delle rate inizia dopo 30 mesi.

Fondo giovani: vantaggi e svantaggi

Sono molti i vantaggi di queste opportunità. In un paese come l’Italia dove i giovani e la ricerca sono da sempre poco considerati, realtà che consentano di facilitare i prestiti sono senz’altro una nota positiva. In questo modo molti giovani meritevoli, ma non in possesso delle giuste risorse economiche possono avere l’opportunità di accedere all’istruzione universitaria e ai corsi di formazione.

Purtroppo però non tutte le banche offrono i prodotti per i giovani nonostante abbiano firmato delle convenzioni, spesso quindi è necessaria la garanzia di un genitore o parente che faccia da fideiussore.

Condividi l'articolo!
Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Share on whatsapp
Share on email
Share on print