CHAMPIONS LEAGUE, SI CAMBIA

Il Comitato Esecutivo dell’Uefa ha approvato definitivamente il nuovo format della competizione alla stagione 2024-2025

 

C’era una volta la Coppa Campioni competizione dove partecipavano solo le squadre europee che si aggiudicavano il titolo nazionale. Dopo ci fu la rivoluzione, con ingresso anche di altre squadre, le prime 3 o 4  in classificai (a seconda del ranking del proprio Paese).  La TV, il calcio moderno hanno  spinto a darle un nuovo nome “Champions League” anche in virtù del fatto che è stata cambiata anche la formula per le qualificazioni, con tanto di gironi per la qualificazione alla fase finale.

Oggi l Comitato Esecutivo dell’Uefa si è riunito a Bruxelles ed ha approvato definitivamente il nuovo format della competizione: un mini-campionato di 8 giornate e 36 squadre, al posto delle 32 che giocano  la prima fase disputando sei turni.  Quindi niente più gironi ma un vero e proprio campionato.

I quattro posti in più saranno così assegnati: uno al club terzo classificato nel campionato al quinto posto del ranking (attualmente la Francia), un altro, spiega l’Uefa, “a una vincitrice del campionato, aumentando da 4 a 5 il numero di squadre che si qualificano attraverso il cosiddetto percorso Campioni”. Gli ultimi due posti andranno alle federazioni che hanno ottenuto il miglior risultato collettivo nella stagione precedente (numero totale di punti diviso numero di squadre partecipanti). Utilizzando come esempio la stagione in corso, le due federazioni che avrebbero un posto in più in Champions in base ai risultati collettivi dei loro club sarebbero Inghilterra e Olanda.

Nella fase campionato, a ogni club saranno garantite almeno otto partite contro otto squadre diverse (quattro partite in casa, quattro in trasferta), rispetto alle precedenti sei partite contro tre squadre (in casa e in trasferta). Le prime otto classificate nella fase campionato si qualificheranno per la fase a eliminazione diretta, mentre le squadre che si classificano dal nono al 24esimo posto si sfideranno in spareggi in due partite per approdare agli ottavi di finale.

Che sia una sorta di risposta alla Super Lega e ai ribelli con a capo Agnelli, o semplicemente un modo per dare maggiore appiglio alla Champions non è dato sapersi, sicuramente sarà un modo per rendere il finale sempre meno scontato, come sta succedendo a tanti campionati.

Beppe Magrone

Condividi l'articolo!
Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Share on whatsapp
Share on email
Share on print