Slovacchia, Fico riappare dopo l’attentato: “perdono mio attentatore, strumento di odio politico”

Il premier slovacco Robert Fico, che era rimasto gravemente ferito a causa di un attentato avvenuto il 15 maggio scorso, in un video pubblicato sui social torna a parlare, con un messaggio inaspettato: “Perdono il mio attentatore, che è evidentemente solo il messaggero del male e dell’odio politico che un’opposizione politicamente fallita e frustrata ha sviluppato in proporzioni ingestibili in Slovacchia”. La sua intenzione è quella di tornare al “lavoro tra giugno e luglio, se tutto andrà come previsto”. Ma “sarà un piccolo miracolo”, aggiunge. Poi spiega che l’attacco ha causato seri danni alla sua salute. Il premier slovacco, che nell’attentato di Handlova ha riportato ferite multiple, dice di non provare odio nei confronti di chi gli ha sparato. “Non ho motivo di credere che si tratti di un attacco da parte di un pazzo solitario”, dice. Poi ringrazia i “grandi” medici dell’ospedale Roosevelt di Banska Bystrica dove era stato ricoverato subito dopo l’attentato. Sono loro che “hanno evitato il peggio”.

Condividi l'articolo!
Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Share on whatsapp
Share on email
Share on print